• GLI INIZI

    La Enfield Cycle Company produceva moto, biciclette, tagliaerba e motori con il nome di Royal Enfield, con sede a Redditch, Worcestershire. L'eredità della fabbrica di armi si riflette tutt'oggi nel logo, che include un cannone e lo slogan "Made like a gun" - "Fabbricato con la precisione di un'arma". L'uso del marchio Royal Enfield fu autorizzato dalla Corona nel 1890.

  • I primi anni

    Nel 1909, la Royal Enfield sorprese il mondo del motociclismo presentando una piccola moto con un motore Motosacoche a V con doppio albero a camme in testa da 2 ¼ CV di origine svizzera. Il modello successivo, del 1911, era basato su un motore 2 ¾ CV e sul famoso cambio a 2 velocità Royal Enfield. Nel 1912 arrivò la JAP 6 CV 770 CC con motore a V e doppio albero a camme che, in combinazione con un sidecar ha reso famosa la casa di Redditch. Nel 1914 fu presentata la moto 3 CV, ma questa volta con un motore Enfield che vantava uno schema di verniciatura standard sulle parti smaltate nere e un esclusivo serbatoio verde con finiture dorate.

  • Tra le due grandi guerre

    Quando scoppiò la Prima Guerra Mondiale, la Royal Enfield fornì le sue motociclette da 6 CV con sidecar alla Corona. Questo stesso modello di motocicletta venne prodotto anche con un sidecar armato di mitragliatore Vickers, il quale poteva essere rivolto verso l'alto contro gli attacchi aerei a volo radente. La Royal Enfield fornì una notevole quantità di motociclette al British War Department (Ministero della guerra britannico) e vinse inoltre un contratto con il Governo della Russia imperiale.

    Ulteriori informazioni

    Durante lo sviluppo della fabbrica negli anni ‘20 incrementò anche la gamma di modelli disponibili e nel 1924 la Royal Enfield presentò quattro versioni della motocicletta 2 ¼ CV a due tempi, due nuove motociclette JAP con un motore di 350 cc e due versioni delle combinazioni sidecar da 8 CV con mitragliatore Vickers. Durante la grande depressione degli anni ‘30 anche la Royal Enfield ne rimase coinvolta e la richiesta di motociclette scese, benché la fabbricazione continuò con lo stesso ritmo e l’azienda sopravvisse. All'inizio degli anni ’30 uscì la Cycar, una motocicletta completamente compatta.

    Durante la Seconda Guerra Mondiale, in modo simile ad altri produttori dell'epoca, la Royal Enfield fu convocata dalle autorità britanniche per fabbricare motociclette militari. I modelli prodotti per l'esercito furono la WD/C 350 cc SV, WD/CO 350 cc OHV, WD/D 250 cc SV, WD/G 350 cc OHV e la WD/L 570 cc SV. Una delle più famose era la WD/RE, conosciuta come Flying Flea (Pulce volante), una motocicletta leggera da 125 cc progettata per essere lanciata con paracadute dalle truppe aeree.

    Dopo la guerra la fabbrica continuò a produrre i modelli richiesti durante il conflitto bellico e la leggendaria J 2 si dimostrò come l’antesignana della leggendaria Bullet: ovvero, la stessa motocicletta che ebbe l’onore di essere fregiata del titolo di motocicletta più a lungo prodotta al mondo.

    Nascondi
  • India Connection

    La vendita di motociclette Royal Enfield in India è iniziata nel 1949. Nel 1955 il governo indiano iniziò a cercare una motocicletta comoda per le forze dell'ordine e per l’esercito incaricato al pattugliamento della frontiera del paese. Fu scelta la Bullet 350 come la motocicletta più adatta per lavorare. Il governo indiano ordinò 800 di queste motociclette da350 cc, un ordine enorme per l’epoca. Quindi, nel 1955 la Redditch Company si associò con la Madras Motors in India per costituire la compagnia che fu denominata 'Enfield India' dedicata all’assemblaggio di queste motociclette Bullet da 350 cc sotto la licenza della precedente Madras (oggi denominata Chennai). Per contratto Madras Motors possedeva la maggior parte delle azioni della compagnia (oltre il 50%). Nel 1957 anche l'attrezzatura fu ceduta a Enfield India per la produzione di componenti in completa autonomia. La Enfield Bullet dominava le autostrade indiane e con il trascorrere degli anni la sua popolarità aumentava.

  • Chiusura nel Regno Unito

    La Royal Enfield UK continuò a produrre motociclette tra cui alcune macchine più innovative e potenti come la Royal Enfield Meteor, la Constellation e infine l'Interceptor 700, prima di essere venduta alla Norton-Triumph-Villiers (NVT) nel 1968. La produzione cessò nel 1970 e la compagnia si sciolse nel 1971. Le attrezzature rimanenti a Redditch furono messe all'asta. Nel frattempo la Bullet 350 continuò a essere prodotta in India e negli anni ‘80 le motociclette venivano anche esportate in Europa dall'India. Anche dopo la chiusura della fabbrica di motociclette, la divisione di ingegneria di precisione fu attiva fino a molto tempo dopo persino nella produzione di biciclette.

  • Il capitolo Eicher

    Nel 1990 la Enfield India entrò a far parte di un'alleanza strategica con l’Eicher Group, iniziando a lavorare insieme nel 1994. Durante questo periodo Enfield India cambiò il nome in Royal Enfield. L'Eicher Group è uno dei principali gruppi automobilistici indiani con interessi diversificati nella fabbricazione di trattori, veicoli commerciali, scatole cambio per automobili, esportazioni, indumenti, consulenza di direzione e motociclette. Da allora, la compagnia ha fatto investimenti notevoli nella modernizzazione della tecnologia e nei sistemi di produzione. Nel 1996, quando il governo decise di imporre norme più restrittive sulle emissioni, Royal Enfield è stata la prima azienda produttrice di motociclette a rispettarle, una tradizione che si è mantenuta nel tempo a tal punto da considerare le norme sulle emissioni uno dei punti di forza dell’azienda.

  • Infrastrutture e tecnologia

    Per fabbricare motociclette di qualità e famose in tutto il mondo tanto per la loro affidabilità come per la resistenza nel modo richiesto, la Royal Enfield ha stabilito delle facilità alle sue fabbriche di Chennai. Un dipartimento di Ricerca e Sviluppo è in costante attività per trovare cambiamenti adatti ai clienti, rispettando contemporaneamente le norme indiane ed internazionali. Quando presenta un nuovo prodotto, questo team realizza tutta la pianificazione che include un rigoroso programma di interazione con il cliente, progettazione, ingegneria parallela e procedure di test. La squadra di progettazione di motociclette della Royal Enfield è ben equipaggiato con workstation CAD/CAM e il software di modellazione più aggiornato. Gli eccellenti progettisti lavorano costantemente per presentare motociclette con design innovativi all'altezza delle aspettative di mercato. Il laboratorio di prove di nuovi prodotti realizza costantemente rigorosi test su motociclette e i relativi componenti per presentare miglioramenti che migliorino l’esperienza dei clienti.

  • Produzione

    Le attività di produzione della Royal Enfield attraversano una serie di sforzi di modernizzazione e miglioramenti con un numero di processi automatizzati. L’azienda ha stabilito procedure di produzione all'avanguardia all'avanguardia, come i layout cellulari, i controlli statistici dei processi e i sistemi di produzione flessibili. Lo stabilimento di produzione di Chennai ha ricevuto la certificazione ISO 9001, mentre per la gestione delle proprie attività in un ambiente pulito e sicuro, ha ottenuto la certificazione di qualità ISO 14001. A tale scopo, si implementano dei Kaizen per assicurare che i livelli di qualità si mantengono in costante crescita.

    Ulteriori informazioni

    Royal Enfield si assicura che tutti i componenti utilizzati nelle motociclette provengano dai migliori produttori dell'industria automobilistica indiana, tutti conformi agli elevati standard di qualità dell’azienda. L’azienda lavora a stretto contatto con tutti i propri fornitori, fornendo loro assistenza direzionale e tecnica garantendo che vengano mantenute come la Direct-On-Line e la Vendor Self-Certification.

    Nascondi
  • Marketing

    Il battito cardiaco dei tuoi clienti puoi sentirlo solo avvicinandoti a loro. Questa concettualizzazione ha portato la Royal Enfield a stabilire una vasta rete di 11 negozi, 250 concessionari nelle principali città e più di 200 centri di assistenza autorizzati. L’azienda esporta anche motociclette in 42 paesi come Francia, Giappone, EAU, Corea, Bahrein, Regno Unito, Germania, Argentina e tanti altri paesi grazie a 40 importatori e più di 300 concessionari in tutto il mondo.

  • Royal Enfield - Rivisitazione

    Grazie ai team più brillanti e preparati del paese, che comprende un corpo dirigente professionista e un personale preparato e impegnato, l'azienda dispone di una cultura esclusiva e aperta che rende Royal Enfield una società vivace e attiva. Per i suoi clienti in India ed in qualsiasi altra parte del mondo, Royal Enfield non significa soltanto motociclismo; è anche un senso di appartenenza ad una comunità esclusiva con passione, emozione ed interesse infiniti. La compagnia punta sempre ad aumentare la propria posizione di leadership, sia nel segmento delle motociclette potenti o dedicate al tempo libero in India o nel segmento delle motociclette classiche ovunque nel mondo, grazie alla presentazione di motociclette con uno stile esclusivo e una maggiore potenza, al rafforzamento le community esistenti di entusiasti dei propri prodotti, all'ampliamento della propria rete di appassionati e alla capacità di offrire un'esperienza motociclistica unica.

    Ulteriori informazioni

    Essendo l'unica motocicletta prodotta in India che è anche sinonimo di avventura e tempo libero, la Royal Enfield si è ultimamente allontanata dalla pubblicità dei Mass Media concentrandosi maggiormente sulla concretizzazione del proprio marchio intorno ai valori difesi dall’azienda. Considerando il suo status di “culto”, la motocicletta Royal Enfield è conosciuta per la sua versatilità, unicità e per essere stata costruita per durare nel tempo. Viene percepita come una macchina unica nella sua classe ed essendo sinonimo di tempo libero e avventura in grado di macinare chilometri senza problemi.

    La Royal Enfield promuove fortemente il motociclismo dedicato al tempo libero come uno stile di vita e incoraggia i proprietari delle Royal Enfield a seguire questa mentalità. In tal senso, la compagnia organizza eventi annuali e giri come l'Himalyan Odyessy, il Giro del Rann di Kutch, il Giro dell’NH 17 (da Mumbai a Goa), il Giro del Rajasthan e l'Odissea del Sud. Organizza anche il festival annuale di motociclismo, il Rider Mania a Goa, in grado di attirare i proprietari di Royal Enfield da tutto il mondo.

    Nascondi

© Royal Enfield. Tutti i diritti riservati.